Capire come si calcola la rata del mutuo in base allo stipendio è essenziale per valutare la portata dell'impegno, ma non solo. Permette anche di conoscere l'importo massimo che le banche sarebbero disposte a concederti per acquistare casa in base alle tue entrate. Calcolare la rata del mutuo prima della sottoscrizione del contratto ti permetterà di valutare la fattibilità del finanziamento anche in relazione alle tue spese ricorrenti.

Infatti, il rapporto rata-reddito consente di capire se sarà possibile conciliare il pagamento della rata con tutte le altre spese che devi affrontare periodicamente (bollette, abbonamenti vari, spesa e consumi quotidiani, etc…), includendo nel calcolo anche delle uscite impreviste (ad esempio delle spese mediche, o eventuali emergenze). Sottraendo tutte queste spese dallo stipendio netto potrai avere un'idea dell'importo massimo che la tua rata del mutuo potrà avere.

Quale può essere l'importo massimo della rata del mutuo?

La regola generale da tenere a mente quando si valuta la fattibilità della rata del mutuo prevede che il rapporto rata-reddito non debba superare il 35-40% dello stipendio netto. Secondo la Banca d'Italia il rapporto potrebbe essere anche del 30%, ma la percentuale spesso sale perché sono pochi oggigiorno coloro che dispongono di un reddito tanto alto, a meno che non si decida di comprare una casa piuttosto economica.

Se ad esempio il tuo stipendio è di 2.000 euro al mese, sicuramente non potrai ottenere una rata mensile superiore a 650-750 euro. Se il mutuo ha più di un intestatario vale la stessa regola, ma applicata alla somma delle entrate mensili di ciascun titolare. Se ad esempio una coppia ha delle entrate nette mensili di circa 3.500 euro, la rata mensile del mutuo non potrà superare i 1.100-1.200 euro.

Questo perché la banca vuole assicurarsi che gli intestatari del contratto dispongano del denaro sufficiente per vivere una volta sottratta la somma destinata alla rata del mutuo. Se così non fosse, il rischio di mancato pagamento del finanziamento sarebbe molto elevato e la banca potrebbe esporsi al rischio di non vedere rientrare la somma erogata.

LEGGI ANCHE: Mutui per i giovani: i 5 migliori finanziamenti prima casa

Come si calcola la rata del mutuo prima casa?

Prima di erogare il mutuo, la banca deve accertarsi che tu sia in grado di rimborsarlo secondo le scadenze previste dal piano di ammortamento. Capire come le banche valutano la tua capacità di rimborso ti aiuterà a sapere in anticipo non solo a quanto ammonterà la rata, ma anche quante possibilità di successo avrà la tua richiesta. Oltre alle varie garanzie che ti possono richiedere, ad esempio la firma di un garante o la sottoscrizione di una polizza assicurativa, i principali parametri considerati sono il tuo reddito e gli eventuali debiti già in corso, rappresentati da finanziamenti richiesti in passato.

Come calcolare la rata massima del mutuo: la formula delle banche

Se vuoi sapere con precisione la formula usata dalle banche per la concessione di mutui eccoti accontentato:

Rmax = (R - Q)/(3 x f)

Qui Rmax sta per la rata massima che la banca può concedere, R per il reddito annuale netto di tutti i contraenti del mutuo, Q per la quota annuale già impegnata da eventuali finanziamenti in corso e f per il numero di rate annuali che si desidera sostenere.

Facciamo un esempio pratico per capire meglio come si calcola la rata del mutuo in base allo stipendio e ai debiti già in corso. Ipotizziamo che il richiedente sia un impiegato con uno stipendio mensile di 1.700 euro netti al mese, per 14 mensilità. Supponiamo anche che abbia già altri finanziamenti in corso per un totale di 200 euro mensili. Ecco il risultato:

[(1.700€ x 14 mensilità) - (200€ x 12)]/(3 x 12) = 595 euro al mese

Come si calcola l'importo massimo finanziabile dal mutuo?

Una volta che hai stimato la rata massima che la banca ti può concedere potrai capire anche come si calcola l'importo massimo finanziabile attraverso il mutuo. Questo ti permetterà di muoverti nel mercato immobiliare con più consapevolezza, poiché saprai già quanto la banca ti può concedere.

Conoscendo la rata massima e il TAN (Tasso Annuo Nominale), saprai anche quanto la banca ti potrà concedere. Se ad esempio hai già da parte 50.000 euro per l'anticipo e puoi avere una rata massima di 530 euro circa, con un finanziamento a TAN pari al 5% potrai ottenere:

· circa 100.000 euro da restituire in 30 anni

· circa 90.000 euro da restituire in 25 anni

· circa 80.000 euro da restituire in 20 anni

Il tuo budget per l'acquisto casa varia quindi, anticipo compreso, tra i 130.000 e i 150.000 euro.