Trova il mutuo con la rata più bassa

Fondo di solidarietà per i mutui, quanto conviene? - Video Guida

Dopo la denuncia di Altroconsumo, c'è chi mette in dubbio che il fondo di solidarietà per la sospensione delle rate dei mutui, gestito dal Consap, sia un reale aiuto alle famiglie. È davvero così? Paolo Sansone, esperto mutui di SuperMoney, risponde a questi dubbi a Class Tv. 

Paolo Sansone parla del fondo di solidarietà a Class Tv: eccone vantaggi e svantaggi - Testo Integrale


Diamo il benvenuto a Paolo Sansone, l'esperto di SuperMoney.eu, il sito di confronti che ogni settimana ci porta uno dei suoi migliori esperti per trattare gli argomenti più di vita quotidiana, buongiorno Paolo.
Buongiorno.


Oggi parliamo di mutui, è un problema forte per tante famiglie in difficoltà che però hanno la rata del mutuo, e magari quando il mutuo è stato acceso, quando hanno comprato la casa, si trovavano in una situazione migliore. Poi si perde il lavoro, succedono guai in famiglia, magari non lo so, problemi di salute, si perdono i risparmi e si fa fatica a pagare il mutuo. Lo Stato ha messo in piedi questo fondo di solidarietà, giusto, per sospendere i mutui?. Serve proprio in questi casi?
Sì, il fondo solidarietà mutui serve in questi casi col fine di sospendere il mutuo. Ci permette di rimandare il pagamento delle rate del mutuo in un periodo in cui la famiglia può evidentemente essere in difficoltà. Questo fino a 10 mesi, quindi diciamo possiamo evitare di pagare le rate del nostro mutuo fino a 18 mesi con determinate condizioni.

C'è stato un'inchiesta proprio recente su come usufruendo di questo servizio poi però in realtà è un po' un boomerang perché la banca sì, è vero, sospende, ma continua a contare gli interessi e poi ti ritrovi a pagare un sacco di interessi in più.
Sì, ecco, spieghiamo bene come funziona. Sicuramente è vero, genera un costo posticipato, diciamo la convenienza nell'usufruire del fondo di solidarietà mutuo e della sospensione del mutuo è appunto evitare di dover rimborsare le rate nel momento in cui non possiamo pagare la parte capitale, i soldi veri prestatoci. Gli interessi chiaramente continuano a maturare. 

Quindi aumentano gli interessi?
No, non aumentano, semplicemente sono posticipati nel tempo, però di fatto con il fondo d solidarieta mutui noi abbiamo chiesto un allungamento del mutuo. Per il periodo in cui non paghiamo le rate, quelle rate dovranno essere rimborsate.


Però se è un fondo, scusami è una domanda un po' politica, però se è un fondo di solidarietà, praticamente cosa fa, obbliga semplicemente le banche a sospendere il mutuo, ma non è un fondo questo. Il fondo dovrebbe anche coprire le spese.
Sì, copre le spese, ma come vedremo nel dettaglio, non tutte, perché appunto il fondo di solidarietà mutui si fa carico della parte degli interessi nel momento in cui abbiamo sospeso le rate, per quelli che sono i parametri di mercato. A questo dobbiamo stare attenti. Cosa si intende? Per parametri di mercato si intende quali sono gli effettivi tassi di interesse nel momento in cui si sospende la rata del mutuo. Quindi se noi abbiamo un mutuo particolarmente oneroso stipulato tanti anni fa, magari con un tasso fisso quando erano molto più elevati rispetto a questo momento, il fondo non ci potrà rimborsare l'intera parte di interessi ma soltanto un pezzettino. L'altro pezzettino rimane a nostro carico. 

Quindi se io ho il tasso del mutuo, facendo un esempio, al 7 %/6%, magari il fondo di solidarietà mi copre fino al 4%, per fare degli esempi numerici vicini. Il resto del 2% mancante comunque lo dovrò pagare io. Alla fine della sospensione, ma lo dovrò pagare io.
Questo lo si può decidere, si può concordare liberamente con la banca se questi oneri di sospensione verranno aggiunti alle rate. Quindi dovremmo pagare, dopo la sospensione del fondo di solidarietà mutui, delle rate leggermente più alte e così fino alla fine della decorrenza del mutuo. Se vogliamo pagarli nel momento in cui abbiamo sospeso, ad es. se abbiamo sospeso una rata di 500 euro, paghiamo solo quel pezzetto di interessi, solo 20/30 euro al mese. Quindi "non ce ne accorgiamo" e lo paghiamo durante il periodo di sospensione, oppure possiamo pagare in un'unica soluzione. All'inizio, alla fine, durante la sospensione. Per questo pezzettino dovuto alla banca, possiamo concordare quello che preferiamo e qual è la soluzione ottimale.


Comunque finora hanno già aderito in molti al fondo di solidarietà, ne hanno già usufruito?
Sì, sono più di diecimila famiglie e per la maggior parte (il 90%), sono famiglie in cui uno degli intestatari del mutuo ha perso il posto di lavoro, perché a questo fondo di solidarietà mutui Consap possono accedere le famiglie in cui uno degli intestatari ha perso il lavoro, sia a tempo determinato sia a tempo indeterminato, oppure perché è sopraggiunta la morte o un'invalidità grave (quindi superiore all'80%). Vale soltanto per gli immobili non di lusso chiaramente, che siano prima casa o abitazione principale, con un valore del mutuo non superiore ai 250mila euro e un ISEE della famiglia non superiore ai 30mila euro.

Aspetta, piano che sembrano poche poi ne aggiungi sempre una. Allora, la causa dev'essere significativa: perdita del lavoro, invalidità oltre l'80% ,quindi delle cause decisive che possono aver influito sul bilancio familiare. L'Isee, che è l'indicatore economico della famiglia, deve essere abbastanza basso, diciamo.
Non superiore ai 30mila euro.

Non superiore ai trentamila euro, che non è pochissimo, l'Isee di tutta la famiglia. Non dev'essere una casa di lusso. Questo lo vediamo dal catasto?
Sì, dalla classe diciamo dell'immobile e il mutuo non deve avere un valore superiore ai 250mila euro. 

Se no si capisce che non è di lusso ma più o meno ecco…
Non di lusso ma comunque una casa molto costosa, sì. 

Quindi dev'essere una casa, anche 200mila euro non dev'essere necessariamente una casa molto piccola, ecco. Escluse quella da 250. 
Esattamente, questi sono i parametri.

Ma non di valore del mutuo. Quindi una casa che ne valeva anche 300mila e io ho fatto il mutuo per 200mila. 
Sì, esattamente, perché altrimenti potremmo anche considerare immobili di grossissimo valore, però se avevamo i risparmi da parte e ce li siamo potuti permettere in quel momento, comunque possiamo accedere al fondo di solidarietà mutui, ma tipicamente ormai i mutui per più del 50% dell'immobile è davvero difficile ottenerli quindi dicendo un mutuo di massimo 250mila euro, diciamo è un immobile che vale massimo 500, 600 mila euro.

Ok, questi sono diciamo i paletti, giustamente lo Stato ha messo per raggiungere veramente le famiglie in difficoltà e non magari aiutare chi è già ricco. Tecnicamente cosa bisogna fare? Bisogna andare in banca, bisogna fare una richiesta a qualcuno?
Sì, bisogna fare una richiesta tramite il sito Consap, l'ente che gestisce il fondo di solidarietà mutui. Poi, attraverso la banca, esso sospenderà di fatto le rate del mutuo e, come abbiamo specificato prima, bisogna concordare questi oneri. Adesso capiamo meglio quando può essere conveniente in questo momento storico in cui i tassi d interesse sono un po' bassi, quindi in realtà il problema è proprio: è vero slittiamo il pagamento delle rate del mutuo, ma ci costa comunque più soldi di quanto in realtà avrebbe potuto. Perché? Perché se abbiamo stipulato un mutuo a tasso fido diversi anni fa, quando era al 5 - 6 % e oggi i tassi di interesse sono veramente bassi, in quel caso andremo a pagare fino a 4000 euro, calcolato su una sospensione di 18 mesi di interessi non coperti dal fondo. 

Cioè, ci saranno 4000 euro in più. 
No, sono soldi che avremmo dovuto comunque pagare. Diciamo sono 4000 euro non coperti e rimangono comunque a nostro carico, non sono soldi in più, ecco.

Ah, non sono soldi in più?
No, non sono soldi in più, perché non è che gli interessi fanno maturare altri interessi. Diciamo che noi avremmo dovuto pagare una rata di 600 euro, il fondo di solidarietà mutui ci dà la possibilità di spostare il pagamento della parte fissa di 500 euro e dei 100 di interessi ce ne sta rimborsando soltanto 50. Gli altri 50 rimangono a nostro carico, quindi di fatto stiamo risparmiando qualcosa, nel senso, ci viene coperta una parte di quello che noi dobbiamo.

Ecco, però sai qual è il punto, Paolo? È che non è un'operazione in cui uno può pensare: ci conviene farla, non ci conviene farla. Se uno fa questo tipo di richiesta è perché è perché è costretto a farla per via delle contingenze della vita. Però è importante sapere questo dettaglio da verificare, quindi magari nel momento in cui poi andiamo in banca e portiamo il piano, chiariamolo subito, così ci facciamo fare i calcoli ecco. 
Sì, in maniera da non avere sospese magari alla fine del mutuo, dove ci troviamo quest'ammontare in più magari non prevsito e invece c'è.

Www.supermoney.eu è il sito a cui vi rimando per ulteriori informazioni sul mondo del risparmio. Qui con noi oggi Paolo Sansone, grazie per essere stato qui con noi.