Il conteggio estintivo del mutuo è una pratica che ti permette, in accordo con la banca o l'istituto di credito con cui hai stipulato un mutuo, di calcolare il capitale residuo che devi ancora versare alla tua banca per estinguere il finanziamento. Questa pratica ti permette di conoscere esattamente, con tanto di interessi, a quanto ammonta effettivamente il tuo debito residuo. Questo calcolo è necessario per procedere all'estinzione anticipata del mutuo, ma anche ad altre trattative come la surroga o la sostituzione del mutuo, ideale se vuoi accedere a tassi d'interesse più vantaggiosi o a piani d'ammortamento più comodi per saldare l'intero ammontare residuo. In questo articolo andiamo dunque a scoprire in cosa consiste questo conteggio e come richiederlo presso la propria banca.

Conteggio estintivo mutuo: come funziona?

Il conteggio estintivo del mutuo è un calcolo effettuato dalla banca o dall'istituto di credito presso cui hai acceso il tuo mutuo che permette di verificare quanto effettivamente tu, debitore, devi ancora versare presso il tuo creditore per estinguere definitivamente, in modo anticipato o attraverso altre pratiche, il mutuo che stai tuttora pagando. La banca, per calcolarlo, prende come base il debito residuo al netto degli interessi, aggiungendoveli poi e calcolandoli in base al tempo che intercorre dalla data dell'ultimo pagamento e il giorno in cui si prevede di estinguere il prestito. Vengono poi aggiunti i costi di eventuali commissioni e, in alcuni casi, anche una penale che non può superare l'1% del valore netto ancora dovuto al creditore.

Per calcolare tutto ciò la banca utilizza dei particolari software del tutto simili a quelli che puoi trovare in rete, in modo tale da farti un'idea su quanto ammonterà il conteggio finale. Puoi dunque provare a simulare lo stesso calcolo attraverso dei tool dedicati. Per quanto riguarda le tempistiche, invece, queste prevedono che il calcolo venga effettuato in un massimo di dieci giorni lavorativi.

Una volta ottenuto, questo documento può essere utilizzato o per richiedere la semplice estinzione anticipata dal proprio mutuo, oppure per presentarlo ad una seconda banca, con l'obiettivo di avviare una surroga o una sostituzione dello stesso mutuo. Nel primo caso l'intero mutuo residuo viene "trasferito" ad una nuova banca, rimodulando alcuni parametri del finanziamento ma mantenendo le stesse garanzie come un'ipoteca già avviata. Nel secondo, invece, il mutuo precedente viene estinto ricorrendo proprio ad un nuovo mutuo, con tassi d'interesse solitamente più vantaggiosi, mentre viene poi acceso a tutti gli effetti un ulteriore mutuo con la nuova banca per estinguere i debiti precedenti.

DA LEGGERE: Cos'è un piano di ammortamento mutuo e come funziona

Come richiedere il conteggio estintivo del mutuo?

Per quanto riguarda le modalità con cui è possibile richiedere il conteggio estintivo del mutuo, ogni banca opera secondo le proprie modalità. In generale non è strettamente necessario recarsi in filiale, in quanto le principali compagnie del campo offrono diversi canali per essere contattate ed effettuare la richiesta: telefono, fax, e-mail. In ognuno di questi casi è possibile specificare la volontà di ottenere il sopracitato documento. Per farlo non sarà necessario presentare alcunché, in quanto tutto ciò che serve alla banca è già registrato presso i propri sistemi informatici. In alcuni casi potrebbe essere prevista la compilazione di un apposito modulo, da stampare ed inviare via mail.

Per il resto, ti basterà aspettare da qualche giorno fino a un massimo di 10 giorni lavorativi per ottenere il documento da te richiesto e poterlo utilizzare per modificare il tuo attuale mutuo.