Quella della nuda proprietà è una possibilità piuttosto conveniente per chi vuole acquistare una casa a un prezzo più basso del valore di mercato e ha tempo di aspettare che si liberi per usufruirne. Infatti, acquistando una nuda proprietà, solitamente, si compra un appartamento di cui si entra in possesso solo alla morte del precedente proprietario. Questa operazione comportava costi minori rispetto a un acquisto normale ma, ciononostante, è sempre meno utilizzata dagli italiani. Lo dimostra una ricerca dell'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate, che ha raccolto i dati anche delle singole città per vedere in quali zone si pratica ancora di più.

Nuda proprietà: dimezzate le compravendite dal 2004

I dati che arrivano dall'analisi dell'Agenzia delle Entrate parlano chiaro: negli ultimi 11 anni, dal 20014 al 2015, le compravendite di nuda proprietà sono scese del 47%. Praticamente, sono dimezzate, passando da 41.000 operazioni a 21.500, nonostante qualche anno fa rientrasse tra le migliori soluzioni per acquistare casa. Come mai gli italiani non se la sentono più di fare questo tipo di scommessa? Le ragioni sono molteplici e sono soprattutto da cercarsi nella recente crisi economica.

Infatti, il vistoso calo dei consumi ha provocato una contrazione del mercato immobiliare. In più, sempre meno persone possono permettersi di acquistare casa oppure preferiscono risparmiare i soldi perché hanno poca fiducia nel futuro. C'è da aggiungere anche che l'allungamento della speranza di vita porta questa tipologia di acquisto a essere meno conveniente: l'acquirente deve aspettare più tempo per poter usufruire dell'immobile che ha acquistato. In media, secondo le statistiche, si arriva ad aspettare circa 15 anni.

​Nonostante questa formula d'acquisto consenta di risparmiare tra il 25 e il 50% rispetto al valore di mercato dell'immobile, la maggior parte degli italiani continua ad ignorare la compravendita di nuda proprietà.

Analizzando i dati dal punto di vista geografico, notiamo come la tendenza sia la stessa su tutto il territorio italiano. Le province dove la compravendita di nuda proprietà resiste di più (calo tra il 21% e il 31%) sono Crotone, Savona, Asti, Aosta, Brindisi e Torino. Invece, dove il calo è stato più vistoso e ha superato il 60%, è nelle province di Isernia, Latina, Pistoia, Ragusa, Frosinone, Pordenone, Ferrara, Treviso, Enna, Ascoli Piceno e L'Aquila.

DA LEGGERE: Le domande di mutui frenano dopo gli ottimi dati di inizio 2016

In cosa consiste esattamente la nuda proprietà?

Il termine nuda proprietà si riferisce, precisamente, al valore che ha l'immobile senza la possibilità dell'usufrutto. In parole semplici, significa vendere la casa senza il diritto di viverci dentro. Il vantaggio di vendere la nuda proprietà è evidente: si mantiene il diritto di abitare in un immobile per tutta la vita e si gode di una somma immediata da utilizzare come si preferisce. Invece, per chi acquista, la nuda proprietà è un investimento interessante: il prezzo di acquisto è parecchio inferiore rispetto al valore di mercato e, in più, quest'ultimo sale col passare del tempo.

Infatti, il prezzo della nuda proprietà è più alto quanto è più anziano il proprietario: se acquisti un immobile da una persona di 65 anni, dopo 10 anni potrai rivendere solo la nuda proprietà a un prezzo maggiore, guadagnando così sull'investimento.

In un contratto di compravendita di nuda proprietà troviamo l'usufruttario, ovvero chi ha il diritto di viverci, e il nudo proprietario, ovvero chi acquista l'immobile. A seconda degli accordi presi in fase di contratto, l'usufruttario può utilizzare l'immobile fino alla sua morte o fino a un termine stabilito e puoi farne quello che vuole, vivendoci o affittandolo. Invece, come dicevamo, il nudo proprietario può anche trasferire a terzi la nuda proprietà in qualsiasi momento.

Il prezzo di vendita viene calcolato sulla base di una perizia professionale e di coefficienti che variano in base all'età del precedente proprietario e che vengono determinati dal Ministero delle Finanze. Per finanziare un acquisto del genere si può anche richiedere un mutuo per nuda proprietà, ovvero una soluzione di finanziamento appositamente pensata per soddisfare queste particolari esigenze.