Tra le offerte di mutuo più convenienti in questo periodo economico c'è sicuramente il mutuo a tasso variabile con CAP, che si differenzia dai tradizionali mutui a tasso variabile per alcune caratteristiche.

Il mutuo a tasso variabile con CAP è una forma di finanziamento che, a differenza del comune tasso variabile, prevede un limite massimo (detto tetto o CAP) oltre il quale il tasso variabile non potrà mai andare. Questo tetto, stabilito contrattualmente, ha lo scopo di tutelare il mutuatario da oscillazioni verso l'alto dei tassi di interesse.

Mutuo a tasso variabile con CAP: come funziona?

Per ovviare all'inconveniente di incremento della rata del tasso variabile che può cambiare a seconda degli indici considerati (ad esempio l'Euribor), gli Istituti di Credito possono proporre ai propri clienti soluzioni di mutuo a tasso variabile con CAP, formula che prevede l'intervento di una compagnia di assicurazione per tutelare il richiedente in caso di eventuali variazioni a incremento del tasso.
In questo caso il mutuo ha un costo maggiore, dal momento che il richiedente sottoscrive una polizza assicurativa, ma almeno viene imposto un tetto massimo alla rata.

DA LEGGERE: Mutui: cosa succede se la banca fallisce?

Quali sono i migliori mutui a tasso variabile con CAP in questo periodo?

Tra le offerte attive di mutuo a tasso variabile con CAP troviamo Gran Mutuo di Cariparma Crédit Agricole, che per finanziamenti sottoscritti entro il 1°marzo 2016 propone:

  • uno spread a partire da 1,50% con un tetto massimo dal 2,90% al 3,60% in base alla durata del finanziamento

  • CAP del 2,90%, per mutui fino a 15 anni

  • per mutui di 20 o 25 anni lo spread sale all'1,70% e il tetto massimo al 3,60%.

Oltre a questa proposta ci sono quella di Webank, che garantisce per le pratiche aperte entro il 29 febbraio e per i contratti stipulati entro il 31 maggio:

  • un mutuo a tasso variabile su base Euribor 3 mesi con un CAP pari al 4,45%, con un tasso applicato che varia dal 2,25% al 2,45% in base all'importo del mutuo e alla percentuale dell'immobile finanziata.

Quella di Intesa Sanpaolo, invece è duplice:

  • offre un CAP esteso su tutta la durata del finanziamento

  • offe un CAP esteso solo sulla prima metà. Il CAP applicato all'intero finanziamento varia dal 4,65% al 5,65% in base al rapporto Loan To Value, che può arrivare fino al 95%. 

Mutuo a tasso variabile con CAP: vantaggi e svantaggi

Perché tra le tante offerte di mutuo esistenti sul mercato conviene scegliere un mutuo a tasso variabile con CAP? La peculiarità di un mutuo a tasso variabile con CAP sta nel fatto che il tasso di interesse non potrà mai superare il limite predefinito dal contratto stesso: questo sta a significare che, se il tasso di interesse fosse inferiore al tetto massimo, il calcolo degli interessi risulterebbe conforme al mutuo a tasso variabile; in caso di incremento del tasso, non si pagherà mai un tasso superiore al tetto stabilito.

Lo svantaggio che si può avere nel caso di sottoscrizione di mutuo a tasso variabile con CAP è, come abbiamo detto, il costo della rata più elevato.

Per accedere a un mutuo a tasso variabile con CAP il più vantaggioso possibile, bisognerà riuscire nel seguente "allineamento astrale":

  • CAP basso, almeno sotto il 6%

  • contratto esente da una soglia minima applicata ai tassi

  • Spread tra lo 0,30% e lo 0,50%.