Aumenta il ricorso al Fondo di garanzia per la casa. Nel periodo compreso tra il febbraio e la prima metà del mese di ottobre 2015 i nuovi mutui garantiti si sono attestati a quota 125 milioni di euro mentre quelli in fase di erogazione hanno toccato i 96,5 milioni di euro, per un totale di mutui pari a 221,5 milioni di euro. In testa ai soggetti che contestualmente alla scelta del mutuo hanno fatto ricorso al Fondo di Garanzia per la casa, si confermano le giovani coppie.

La conferma arriva dall'Abi, Associazione Bancaria Italiana, secondo cui il Fondo di Garanzia è la concretizzazione della partnership tra istituti bancari e istituzioni che uniscono le proprie forze per supportare in particolar modo quelle famiglie che seppur stiano scontando gli effetti della crisi, hanno in cantiere l'acquisto della prima casa e la richiesta del mutuo casa.

Fondo di Garanzia e mutui per giovani coppie

Il ricorso al Fondo di Garanzia per la casa, che mira prima di tutto ad agevolare l'accesso al credito a giovani e a famiglie in difficoltà, ha spinto al rialzo il mercato dei mutui che nei primi otto mesi del 2015 hanno messo a segno un rimbalzo dell'86,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Con una dotazione di 600 milioni di euro il Fondo di Garanzia per la casa potrebbe arrivare ad assicurare prestiti per un valore compreso tra i 12 e 15 miliardi di euro.

DA LEGGERE: Un albero per ogni mutuo. Partono le piantumazioni di Crèdit Agricole

Nel dettaglio, il Fondo di Garanzia per la casa garantito dallo Stato assicura una garanzia a copertura del 50% della quota capitale dei mutui ipotecari - fino alla fino alla soglia di 250.000 euro - erogati sia per l'acquisto della prima casa sia anche per la ristrutturazione volta all'incremento dell'efficienza energetica. Hanno priorità assoluta d'accesso le giovani coppie, affiancate dai nuclei familiari monogenitoriali con figli piccoli e da giovani under 35, con contratti di lavoro atipico.

Fondo di garanzia, requisiti d'accesso

Tra i richiedenti il mutuo, possono accedere al Fondo di garanzia per la casa, cui hanno aderito 142 istituti bancari, i soggetti che non hanno la proprietà di altri immobili esclusi coloro che abbiano acquistato una proprietà per successione.