Cresce la domanda per mutui per la ristrutturazione casa, grazie alla recente proroga della detrazione Irpef per lavori di recupero edilizio, il bonus al 50% stabilito dalla legge di stabilità 2014.

Detrazione ristrutturazione edilizia: la proroga della legge di stabilità 2014

Con la proroga da parte della Legge di stabilità 2014 della detrazione per lavori di ristrutturazione edilizia al 50% per tutto il 2014 a cui si accompagna il bonus 50% per l'acquisto di beni mobili e grandi elettrodomestici sempre per l'immobile oggetto di interventi di ristrutturazione, cresce la domanda di accensione di mutui. Le banche e gli istituti di credito, in un momento di grave recessione economica, come quello attuale, concedono più facilmente i mutui ristrutturazione.

Mutuo ristrutturazione casa: ecco le offerte migliori

Dura da 5 a 20 anni il mutuo ristrutturazione offerto da Unicredit con importo minimo erogabile di 50mila euro, con tasso fisso o variabile. Mutuo Domus Fisso è invece la soluzione per il mutuo ristrutturazione offerta da Intesa Sanpaolo che agevola soprattutto i giovani con una durata del mutuo più ampia, fino anche a 40 anni, per clienti con età inferiore a 35 anni. Tra le altre proposte per il mutuo ristrutturazione abbiamo quella di Monte dei Paschi di Siena, il Mutuo Edilizio Residenziale, che offre un finanziamento a tasso fisso con durata massima di 30 anni e il Mutuo spensierato di Bnl, la banca nazionale del lavoro che offre un finanziamento a tasso fisso, sempre per le spese per ristrutturare casa, da cui il contribuente gode della detrazione Irpef al 50%, che copre circa il 75% del valore dell'immobile e durata massimo fino a 30 anni.