Come già anticipato nelle passate settimane, l'ormai convertito in legge Decreto Imu prevede che la Cassa Depositi e Prestiti cominci ad erogare apposite garanzie per supportare la concessione di mutui casa alle famiglie da parte delle banche: ora è ufficiale e l'assemblea della CDP ha appena approvato le modifiche necessarie al suo Statuto per poter operare su questo importante fronte.

Due sono le modalità di intervento nel settore mutui casa da parte della Cassa Depositi e Prestiti, interventi che saranno tra breve operativi e di cui dunque potremmo verificare l'efficacia nel sostenere il settore immobiliare presumibilmente dal prossimo anno.

La prima modalità consiste in finanziamenti alle banche che la CDP erogherà per mutui agevolati alle famiglie, ovvero che abbiano condizioni e tassi di interesse più vantaggiosi rispetto a quelli normalmente posti sul mercato.

La seconda modalità invece fa già discutere perchè si tratta, in sostanza, dell'introduzione da parte della CDP di garanzie per mutui subprime, o mutui cartolarizzati, così che le banche possano più agilmente mettere sul mercato dei "derivati" legati appunto ai mutui immobiliari.

In ogni caso i mutui casa che saranno erogati in appoggio a questi sostegni offerti dalla Cassa Depositi e Prestiti dovranno essere per immobili già esistenti inseriti nelle classi energetiche A, B, C, oppure p di nuova costruzione (ovvero per i quali la domanda di titolo edilizio sia stata presentata dopo il 31 gennaio 2009) inseriti nelle classi energetiche A o A+.