Prima casa: più agevolazioni per ottenere il mutuo. La Regione Lombardia e l'ABI sono vicine alle giovani coppie nell'acquisto della prima abitazione, mediante l'abbattimento di due punti percentuali del tasso di interesse del mutuo per 5 anni. È una forte risposta alle diverse esigenze di giovani che desiderano formare una famiglia. Può essere un valido aiuto sociale per evitare drastiche riduzioni di nuclei familiari, autentico motore economico di una società che vuole guardare al futuro.

Il contributo agevolato può essere richiesto dalle future coppie che abbiano contratto o contraggano matrimonio tra il 1° giugno 2012 e il 31 maggio 2013; i cui componenti non abbiano compiuto 36 anni alla data di presentazione della domanda; con un Indice di Situazione Economica Equivalente (ISEE) non inferiore a euro 9.000 e non superiore a euro 35.000, calcolato sui redditi e i patrimoni al 2011; che, tra il 1 giugno 2012 e il 31 maggio 2013, acquisiscano con atto notarile un alloggio; che abbiano stipulato con una banca un mutuo di durata non inferiore a 20 anni.

Il titolare del mutuo o i titolari del mutuo (in caso di cointestazione dello stesso) devono essere residenti in Lombardia da almeno 5 anni. L'alloggio deve avere un prezzo di acquisto non superiore a 280 mila euro. Le domande si presentano presso gli sportelli delle banche convenzionate con Finlombarda.