Ammontano a 300 mila le famiglie italiane che non riescono a saldare i propri debiti. E' quanto emerge da un'indagine condotta dalla Banca d'Italia in merito all'erogazione e al pagamento dei mutui da parte degli italiani.

E' questa la situazione dello 0,6% dei nuclei familiari indebitati che, nonostante il crollo del mercato, non riescono ancora a ripagare i propri debiti. Non manca tuttavia qualche debole segnale di ripresa. Aumentano, infatti, le somme depositate dagli italiani che hanno riacquistato fiducia nelle attività degli istituti di credito, così come sono diminuite le iscrizioni al Crif o alle centrali di rischio, segno che, a parte quello 0,6%, molte famiglie riescono ancora a risarcire i debiti contratti.

Nel frattempo sono numerosi i provvedimenti adottati, anche a livello regionale, per aiutare i soggetti economicamente più deboli a pagare i propri debiti. Tra le iniziative avviate dalle Regioni per aiutare i mutuatari che non riescono a rimborsare le rate del mutuo si segnalano, ad esempio, quelle promosse dalla Lombardia, dall'Emilia e dalla Campania a sostegno delle famiglie alle prese con l'acquisto della prima casa. Tra le soluzioni possibili vi sono la sospensione delle rate del mutuo o l'accesso a contributi e fondi pubblici, ma anche la possibilità di accedere a finanziamenti a condizioni e tassi d'interesse particolarmente agevolati.