Il mercato dei mutui è in crisi. E fin quì, non c'è nulla di nuovo. In accordo con i risultati recentemente resi noti da Eurisc-Crif, il sistema di Informazioni Creditizie che raccoglie i dati relativi a oltre 78 milioni di posizioni creditizie, il settore mutui, in Italia, ha registrato una contrazione del 14% a maggio (rispetto allo stesso mese del 2010), del 17% a giugno e del 18% ad agosto.

Il calo della domanda, nel 2011, mediamente, è stato del 10%. In generale, nei primi sette mesi del 2011, si sono ridotti sia i contratti (-6%) sia i flussi di credito (-4,6%). il mercato dei mutui ha risentito anche degli effetti della "manovra", che ha colpito le aziende, ma anche le famiglie.

Un'analisi condotta da Linkiesta.it ha evidenziato che, dai primi giorni di settembre, la maggior parte delle banche italiane ha ritoccato all'insù il "listino prezzi". L'effetto si è tradotto in una maggiorazione esagerata agli spread Euribor a 3 mesi; aumenti fuori mercato che hanno massacrato le famiglie.

Queste premesse, sicuramente non confortanti, ancora non definiscono un trend netto per quanto riguarda possibili aggravi che coinvolgeranno i mutui; è certo, però, che l'erogazione di denaro per la stipula di un mutuo, sarà sempre di più una "questione per ricchi".

Con un aumento medio degli spread di almeno l'1%, un mutuo di 100 mila euro comporterà una maggiorazione annuale degli interessi in una cifra compresa fra 600 e 700 euro, proporzionalmente alla durata del mutuo.

L'indagine condotta da Linkiesta.it ha messo in luce alcuni casi limite, in cui lo spread pre-settembrino pari all'1,80% è arrivato a sfiorare, attualmente, il 3,50% e, talvolta, addirittura il 4,5%. "il mercato dei mutui rischia di risentirne e soprattutto l'Italia rischia di diventare il paese del credito inaccessibile", ha dichiarato Giuseppe Piano Mortari, Direttore Assofin.

Così, dopo l'era delle perizie gonfiate, il settore mutui, ora, è vessato da valori di spread alle stelle, e fatica a rimettersi in carreggiata. Prima di stipulare un contratto di mutuo, soprattutto in un periodo di incertezza economica come quello che sta attraversando l'Italia in questo momento, è bene valutare con attenzione le offerte presenti sul mercato.

Per avere una panoramica delle offerte di mutuo disponibili - mutuo a tasso fisso, mutuo a tasso variabile, mutuo a tasso misto - è possibile utilizzare il servizio di confronto mutui di SuperMoney, il portale che permette di valutare le offerte di mutui on line. Tra le proposte di mutuo attualmente presenti sul mercato figurano mutuo arancio di ING Direct, mutui CheBanca!, mutui Cariparma, mutui Barclays e molti altri.