La presenza di una persona che faccia da garante può essere decisiva per la richiesta di un mutuo. Oltre a valutare l'affidabilità finanziaria del soggetto richiedente, la banca dovrà anche verificare che il garante possieda tutti i requisiti necessari e quindi non superi i limiti di età stabiliti. Per questa ragione, le possibilità che un pensionato possa fare da garante per un mutuo non sono molto elevate, anche se non è del tutto escluso che la banca prescelta possa accettare la richiesta.

Come dicevamo la possibilità di avere una persona che sia disposta a fare da garante per un mutuo, potrebbe rappresentare per la banca un valido incentivo ad erogare la somma richiesta. Infatti, la presenza di un garante rappresenta una vera e propria forma di tutela dal rischio di insolvenza. Se l'intestatario del mutuo dovesse ritardare o saltare del tutto il pagamento delle rate del mutuo, sarà proprio il garante a dover intervenire al suo posto.

Un pensionato come garante mutuo: quali sono i requisiti richiesti?

Come dicevamo, oltre alla valutazione della situazione finanziaria del richiedente, la banca analizzerà anche quella della persona che farà da garante. Sarà quindi analizzata in modo particolare la sua affidabilità economica e l'entità del reddito percepito. Per questa ragione i lavoratori autonomi e i pensionati sono considerate categorie a rischio. Infatti i primi non potrebbero garantire delle entrate mensili stabili mentre i secondi percepiscono nella maggior parte dei casi delle pensioni modeste.

Oltre a questi due aspetti, le banche che erogano mutui destinati all'acquisto di una casa valutano con molta attenzione anche l'età anagrafica del garante, rapportandola alla durata del finanziamento. Solitamente viene dato come limite massimo i 75 - 80 anni di età, al di sopra di questa soglia la domanda viene respinta nella maggior parte dei casi.

Quali altri requisiti deve possedere un garante?

Un altro aspetto analizzato dagli istituti di credito è la situazione patrimoniale del garante. Tuttavia il possesso di immobili e altre proprietà è considerato un aspetto secondario rispetto alla situazione reddituale. Infatti, se l'intestatario del mutuo dovesse ritardare o saltare il pagamento delle rate del mutuo, un garante con reddito stabile e quindi in possesso di liquidità, potrebbe intervenire più velocemente rispetto a chi possiede delle proprietà.

Da leggere: Se faccio da garante posso richieder un mutuo?

Quali sono gli obblighi del garante?

Essere garante di un mutuo comporta una serie di obblighi e responsabilità, paragonabili a quelli del mutuario. Trattandosi di finanziamenti spesso a medio e lungo termine, il garante avrà l'obbligo di intervenire tempestivamente in caso di ritardi o complicazioni, addossandosi il pagamento delle rate e di tutti gli altri costi. Inoltre, in caso di morte del garante gli obblighi verranno trasmessi agli eredi. Per tutte queste ragioni è sempre meglio riflettere con attenzione sull'importanza di questo ruolo, prima di accettare qualunque proposta.

Cosa fare se manca il garante?

Dati gli obblighi e le pesanti responsabilità connesse alla figura del garante, è probabile che la ricerca di una persona disposta a farlo si riveli molto difficile. Esistono delle soluzioni alternative. Ad esempio, per agevolare le giovani coppie che intendono chiedere un mutuo prima casa senza ricorrere all'aiuto di amici e familiari, è stato istituito dal Governo il Fondo di Garanzia con un valore di 670 milioni di euro per il 2014-2017 ed una serie di tassi agevolati. Per accedere a questo strumento di sostegno bisogna però avare un età inferiore ai 35 anni e un reddito inferiore ai 40mila euro