Comprare casa tramite un'agenzia immobiliare è una soluzione molto diffusa soprattutto tra quelli che per ragioni di tempo, e talvolta anche per pigrizia, decidono di affidare la ricerca della nuova abitazione ad un personale decisamente più esperto. Come ogni altro servizio, anche l'intervento di un'agenzia immobiliare nelle procedure che portano all'acquisto di un nuovo immobile prevede un costo, che in questo caso andrà a sommarsi a quelle per la richiesta del mutuo e a tutte le altre voci di spesa che ruotano attorno all'acquisto di una nuova abitazione.

Se quindi hai preso questa importante decisione assicurati di seguire con attenzione la procedura prevista per l'acquisto di una nuova casa. Nel caso in cui dovessi decidere di affidare la ricerca ad un'agenzia immobiliare, leggendo questo articolo potrai trovare alcuni consigli utili per evitare inutili complicazioni e magari ridurre anche le spese. La prima cosa da fare in questi casi è verificare che l'agenzia immobiliare sia regolarmente iscritta al registro delle Imprese presso la Camera di Commercio. Per verificarlo potrai chiedere all'agente immobiliare di mostrarti il suo tesserino o in alternativa puoi effettuare una verifica recandoti presso gli uffici dell'istituto camerale.

Da leggere: Agevolazioni fiscali per chi compra la prima casa, le novità del 2016

Comprare casa con un'agenzia immobiliare: partiamo dalla ricerca

Fatto questo primo controllo potrai affidare tranquillamente il mandato all'agenzia che inizierà la sua ricerca selezionando e mostrandoti tutti quegli immobili che possiedono i requisiti da te indicati. Se sei fortunato e riesci a trovare la casa dei tuoi sogni potrai sottoscrivere una proposta irrevocabile di acquisto, bloccando così l'affare e impedendo che l'immobile possa essere venduto ad altri. Attraverso questo documento potrai comunicare al proprietario dell'immobile la tua intenzione di acquisto e soprattutto il prezzo che sei disposto a pagare.

In questo modo potrai formalizzare il tuo interesse e l'agenzia immobiliare potrà tutelarsi evitando che tu posso scavalcarla e quindi gestire la trattativa autonomamente. Infatti facendo in questo modo potresti sollevarti dai costi delle provvigioni, che corrispondono al prezzo richiesto dall'agenzia immobiliare per il suo intervento.

La proposta irrevocabile di acquisto

Una volta accettata, la proposta di acquisto dovrà essere firmata da entrambe le parti, ovvero da te e dal venditore o proprietario dell'immobile in modo da rendere vincolante l'accordo. A tal proposito ti consigliamo di dare un'attenta lettura alla documentazione, verificando che siano indicati i seguenti elementi:

- i dati relativi all'iscrizione dell'agente immobiliare o della società presso la Camera di Commercio;

- tutti i dati del proprietario e una descrizione precisa dell'immobile;

- l'assenza di eventuali vincoli (per es. ipoteche, abusi edilizi, difformità urbanistiche, ecc);

- l'indicazione della somma da versare in garanzia, meglio se molto contenuta. In questo caso anche 2.000 euro andranno benissimo.

- il prezzo esatto dell'immobile e le modalità previste per il pagamento;

- il termine entro il quale il venditore deve accettare la proposta, in questo caso verificate che non superi i 15 giorni.

I costi richiesti dall'agenzia

Veniamo adesso alla fase costi, ovvero alla somma che dovrai versare all'agenzia immobiliare per il suo intervento nell'acquisto della vostra abitazione. Infatti se la trattiva ha buon fine e si passa quindi al compromesso, l'agenzia immobiliare avrà il diritto alla provvigione che in questo caso avrà maturato non sono nei tuoi confronti ma anche verso il venditore dell'immobile.

A tal proposito ti ricordiamo che l'ammontare della provvigione non è stabilito dalla legge, ma in linea generale si aggira sempre sui valori del 2-3% del valore di compravendita, anche se potrà essere oggetto di contrattazione tra le parti.

In quali è possibile contestare la provvigione dell'agenzia?

Se la compravendita dell'immobile dovesse fallire per alcune inadempienze dell'agenzia potrai contestare la provvigione dell'agenzia e quindi rifiutarti di pagare. I casi più frequenti possono riguardare:

- la mancata iscrizione dell'agenzia al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio;

- il mancato rispetto dell'obbligo di informazione, quindi se l'agenzia non ha fornito tutte le indagini e ricerche utili per valutare l'immobile, tipo: ipoteche, vincoli urbanistici o vizi dell'immobile.

Un buon metodo per tutelarsi da eventuali complicazioni è quello di valutare con estrema attenzione l'agenzia a cui hai deciso di affidarti, meglio quindi analizzarne almeno un paio e osservare attentamente la persona con cui dovrai interagire. La stessa cosa dovrai fare con il venditore, in questi casi la prudenza non è mai troppa.