Intesa San Paolo è tra le tante banche che si è adeguata alla ripresa dell'economia del paese, incentivando i mutui e addirittura raddoppiando i mutui prima casa.
L'istituto di credito, nato nel 2007 dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo Imi, ha messo la casa tra i principali obiettivi di crescita per il prossimo biennio, dichiarando apertamente che è uno dei motori principali del proprio piano d'impresa.

Intesa San Paolo: il progetto per i mutui prima casa

Ma perché Intesa San Paolo ha deciso di investire, sperare, e credere nel "mattone"?
La banca amministrata da Carlo Messina vanta già un milione di famiglie clienti che approfittano delle offerte delle offerte dei mutui per la casa Intesa San Paolo, e nei primi nove mesi del 2015 ha erogato 6,3 miliardi di prestiti casa.
Forte di questi dati il colosso bancario si sta impegnando per aprire entro il 2017 una rete di agenzie immobiliari Intesa Sanpaolo Casa nelle principali città italiane, continuando sulla strada già intrapresa a Roma, Milano, Torino e Monza ed, entro l'anno, a Napoli, Padova, Firenze, Bologna e Brescia.
Il servizio, specializzato nel settore casa, offre, e offrirà dove sorgeranno le nuove sedi, assistenza per la ricerca, l'acquisto, la ristrutturazione e l'arredo di immobili.

Mutui prima casa: i dati di Intesa San Paolo

Intesa Sanpaolo, attualmente, sta erogando il doppio dei mutui immobiliari dello scorso anno, di cui il 30% a coppie giovani. Dopo la recessione che avuto luogo dal 2008 il settore casa è in ripresa: questo settore, tra immobiliare, costruzioni e beni durevoli, vale circa 170 miliardi di euro, pari al 12% del Pil italiano. Messina lo ha definito un pilastro del risparmio degli italiani e dell'economia del paese: l'istituto di credito è fortemente sicuro che dalla ripresa del settore si possa rafforzare la ripresa generale in atto internamente, tanto che, secondo le proprie previsioni, il numero delle compravendite è tornato e tornerà a crescere.

Per quanto riguarda le prospettive de futuro più prossimo, Intesa Sanpaolo ritiene che il numero delle compravendite nel triennio 2015-2017 potrebbe crescere del 6% annuo. Dall'anno prossimo, poi, dovrebbero secondo gli scenari del gruppo risalire anche i prezzi.

Intesa San Paolo: le offerte per i clienti

Fino al 31 dicembre la banca offrirà spread ai minimi storici per i mutui variabili a partire dall'1,15% e tassi fissi a partire dall'1,75% per finanziamenti fino a 10 anni e per importi inferiori al 50% del valore dell'immobile. Per finanziamenti della durata di 30 anni i tassi salgono fino a uno spread sul tasso variabile dell'1,8% e sul tasso fisso del 2,7% , considerando un importo richiesto pari all'80% del valore dell'immobile. Per venire incontro alle esigenze dei clienti attuali Intesa San Paolo, comunicherà la possibilità di passare dal tasso variabile al tasso fisso.