Mutui casa in nettissima crescita. Questa è la verità inconfutabile che emerge dall'ultma analisi Abi, la quale mette in evidenza come il settore creditizio sia tornato a macinare numeri rassicuranti anche per il comparto edile. L'Italia prova lentamente a mettersi alle spalle una delle fasi più buie della sua storia creditizia, e il settore dei finanziamenti per gli immobili prova a fare da apripista. Gli ultimi anni hanno visto la domanda di crediti ridursi drasticamente e una strategia bancaria sempre più restrittiva in fatto di concessioni. Sul web sono nati canali alternativi di erogazione e nuove fonti da cui carpire nozioni preziose per informarsi su come calcolare la rata del mutuo, come comparare i tassi d'interesse, su quali modalità di finanizamento puntare, ecc. Ciò nonostante, il mercato dei mutui non ha saputo porre un freno a un'involuzione drammatica. Fino a oggi.

Mutui casa in aumento del 31,2%

La crisi del settore edile ha inevitabilmente trascinato verso il fondo anche quello dei finanziamenti. La possibilità di porre Cariparma e i suoi tassi a confronto con quelli di Barclays, Mutuo Arancio e tutti gli altri, ha sostenuto le famiglie e dato loro una risorsa in più; la crisi ha però fagocitato l'intero sistema, con ricadute drammatiche sulla collettività. Ora i dati Abi palesano un cambio di tendenza significativo: nei primi undici mesi del 2014, infatti, l'aumento dei mutui casa erogati è pari al 31,2% in relazione allo stesso periodo dell'anno scorso. Abi ha effettuato la sua indagine su un campione di 84 banche, rappresentanti dell'80% del mercato bancario italiano.

Già superata la quota del 2013 e del 2012

In totale, il 2014 ha visto l'erogazione di mutui casa alle famiglie per un totale di 22,465 miliardi di euro. nello stesso periodo del 2013, la cifra registarta è stata pari a 17,123 miliardi; sono oltre 5 miliardi di euro in più concessi alle famiglie per l'acquisto di un'abitazione, un incremento eccellente. E non solo, è già stata superata la cifra totale erogata sia nel 2013 e sia nel 2012, quando l'ammontare totale dei mutui casa ha raggiunto, rispettivamente, i 19,085 e i 20,712 miliardi di euro.

È boom dei mutui a tasso variabile

Mutano anche le abitudini creditizie delle famiglie italiane le quali, in quantità sempre maggiore, optano per mutui a tasso variabile. Nel 2014, la percentuale di mutui casa che si avvalgono di tale formula è del 78%, contro il 77% del 2013 e il 70% del 2012.