I mutui sono delle forme di prestito agevolato, che offrono la possibilità di restituire il debito in un arco di tempo molto lungo. Hanno caratteristiche diverse rispetto ai prestiti classici ma perché utilizzarli? La risposta è semplice, in tempi di crisi i prezzi delle case diminuiscono progressivamente e, per chi fiuta una ripresa nei prossimi anni, è venuto il tempo di cercare il finanziamento più adatto per approfittarne.

Prima recati in banca e chiedi quanto può essere il tuo mutuo

Quando si cerca un mutuo non è detto che questo venga riconosciuto automaticamente. Il valore della casa che si desidera è importante, ma qualsiasi banca o istituto finanziario chiede delle garanzie aggiuntive. Quindi è cosa saggia verificare prima di persona presso la banca la disponibilità facendo delle simulazioni, e poi cercare l'affare. Se si vuole bloccare subito l'immobile con un preliminare, si può inserire una clausola nel contratto in cui si specifica che la vendita avrà luogo solo se la banca accetterà il mutuo.

PS: Se per garanzia inseriamo una casa ricevuta in donazione, e se non sono passati 10 anni dalla morte del donatore, la banca la rifiuterà. È essenziale non avere protesti! anche piccoli ritardi sono oggetto di rifiuto da parte delle banche.

Cerca il tuo affare

Una volta noto il valore del mutuo possiamo cercare la casa sapendo già quanto possiamo spendere. La cosa più saggia è fare una ricerca dei prezzi medi della zona e diffidare dai prezzi stracciati. Per essere più precisi, una casa a prezzo stracciato può avere dei problemi burocratici alle spalle. Per esempio accertatevi presso il catasto della categoria della casa. La banca pretende che per il mutuo sia istituito su abitazioni residenziali di categoria A. In caso troviate questi problemi ma siete comunque interessati, verificate presso un tecnico i costi di variazioni catastali, e se il proprietario è disposto a collaborare.

Riandare in banca e farsi confermare il mutuo

Succede spesso che le banche rifiutino all'ultimo momento di erogare il mutuo. Bisogna sapere che le banche hanno tempi di istruzione che vanno dai 2 ai 3 mesi, in questo arco di tempo chi fa richiesta del mutuo ha il compromesso in mano (noi consigliamo sempre di mettere nel preliminare una clausola sulla proroga della data di acquisto, e di fissare la firma del contratto almeno 6 mesi dopo il preliminare). Nei mesi detti di istruttoria è consigliabile recarsi spesso in banca verificare la pratica e farsi firmare l'ufficialità della delibera anche se la banca è spesso contraria a questa forma di garanzia.

Tempi tecnici per i mutui e come risparmiare ancora di più

Il mutuo è erogato in base a una ipoteca sulla casa che state acquistando. Per ricevere i soldi si dice che bisogna attendere il "consolidamento dell'ipoteca", quindi circa 15 giorni. In questo tempo ovviamente non si hanno a disposizione i liquidi da destinare al venditore. La banca che concede il mutuo, cerca sempre di anticipare gli importi, e vi farà pagare una ulteriore spesa. Un modo per risparmiare è mettersi d'accordo con il venditore e scrivere sul contratto che il pagamento avverrà 20 giorni dopo la firma dal notaio.