Ristrutturare casa è una necessità imprescindibile e, talvolta, non procrastinabile. Dall'isolamento termico, alla messa in sicurezza dei balconi, al rifacimento delle stanze o delle pareti, i costi di una ristrutturazione sono una spesa importante che influisce anche sul valore dell'immobile. Il Movimento di Difesa del Cittadino ha svolto un'indagine in rete per capire quali siano le offerte di mutui per la ristrutturazione, più interessanti. Per farlo si è avvalsa dell'utilizzo del portale Supermoney che permette di comparare, fra loro, diverse tipologie di mutui per la ristrutturazione.

Mutui per ristrutturare

Il caso analizzato è quello di un lavoratore dipendente che abbia intenzione di accendere un mutuo per un valore di 150mila euro, su un immobile del valore di 250mila. Tra le varie opzioni disponibili, gli esperti di MDC, hanno selezionato quelle che, a loro giudizio, appaiono come le più convenienti.

La Banca Popolare del Commercio e Industria permette di stipulare un contratto a tasso fisso con TAEG a 5,90% e con rata mensile fissata a 926,51 euro. Le spese di apertura ammontano a circa 750 euro, alle quali si aggiunge la perizia di 275 euro.

Il mutuo Smeraldo Online Acquisto, invece, può essere acceso presso Banca Sella con una spesa iniziale di 950 euro. Il mutuo verrà rimborsato con TAEG a 6.05%, per mezzo di rate mensili da 935.52 euro.

L'offerta di Banca Popolare di Milano prevede un tasso fisso al 6,09% (TAEG) e un rimborso mensile basato su rate da 944.57 euro. Le spese d'istruttoria arrivano a 1425 euro e la perizia a 252.08 euro.

Un aiuto in più

Un aiuto importante può arrivare dagli ecobonus, vale a dire le agevolazioni fiscali che il governo concede alle famiglie (o alle imprese di costruzioni) che vogliano eseguire interventi di riqualificazione energetica (fino al 65%). Si possono ottenere detrazioni di spesa fino al 50% per interventi di ristrutturazione edilizia e per l'acquisto di elettrodomestici di alta efficienza energetica.