Per far ripartire il settore immobiliare, che secondo i dati dell'Agenzie delle Entrate negli ultimi sette anni si è dimezzato, e per favorire l'accesso ai Mutui, il governo ha stanziato circa 2 miliardi che verranno gestiti dalla Cassa Depositi e Prestiti per garantire l'erogazione di finanziamenti grazie anche ad una convenzione stipulata con l'Abi; inoltre il Ministero della Gioventù ha realizzato un Fondo di garanzia per l'erogazione di mutui a giovani coppie con contratti atipici o a famiglie con disabili.

Grazie all'intervento del governo e alla convenzione con CDP, l'Istituto di credito Intesa Sanpaolo per febbraio 2014 prevede di lanciare una duplice iniziativa a favore sia dei costruttori che non hanno venduto i propri immobili, sia dei consumatori a cui è stato negato un mutuo.

L'iniziativa a favore del settore immobiliare e dei consumatori italiani a cui è stato negato l'accesso al credito prenderà avvio selezionando 400 cantieri appartenenti a costruttori di Lombardia e Lazio, per poi estendersi su tutto il territorio nazionale; l'obiettivo è quello di trovare clienti per i 4.300 appartamenti finiti o in fase di completamento rimasti invenduti, permettendo ai consumatori italiani di ottenere un mutuo fino al 100%.

Inoltre l'Istituto di credito, che ha attivi oltre un milione di euro di mutui residenziali, per sostenere i mutuatari in difficoltà economiche ma in regola con il pagamento delle rate consentirà di poter dimezzare il pagamento della rata mensile per un anno, prolungando la durata del finanziamento di 12 mesi e continuando a beneficiare della detrazione fiscale statale.