Per il sistema bancario italiano serve una riforma. Ad affermarlo è la Confedercontribuenti che per il prossimo 24 settembre del 2013, a Roma, ha organizzato una manifestazione contro le violazioni degli istituti di credito su mutui, conti correnti, prestiti e sugli altri servizi bancari.

L'appuntamento nella Capitale è fissato dalle ore 10,30, davanti al Palazzaccio della Cassazione, al fine di porre all'attenzione dell'opinione pubblica, dei politici e delle istituzioni quelle che sono le violazioni in materia di tassi ad usura e, in generale, il mancato rispetto delle norme di trasparenza.

Secondo la Confedercontribuenti serve un nuovo rapporto banca-cittadino affinché non si verifichino più le prassi illecite. In merito l'avvocato Giuseppe Baldassarre, che è da poco in carica in qualità di responsabile nazionale della Confedercontribuenti, ha fatto presente come l'assistenza e l'informazione ai cittadini, da parte della Confederazione Nazionale dei Contribuenti dello Stato e delle Autonomie Locali e per la tutela e rappresentanza della piccola proprietà immobiliare, continuerà ad essere puntuale e meticolosa affinché tutti possano essere a conoscenza di quelli che sono i diritti quando in banca si ha un conto corrente, un prestito o un mutuo da pagare.

Sui mutui tra l'altro proprio la Confedercontribuenti nei giorni scorsi, rivolgendosi al Governo italiano, ha chiesto che il nostro Paese adotti nel più breve tempo possibile le ultime norme in materia di finanziamenti ipotecari che, varate da Parlamento europeo, offrono una maggiore trasparenza.