I mutui finalmente si apprestano ad essere più accessibili, una ventata di ossigeno dunque per molte famiglie italiane. Parrebbe infatti che le banche si stiano preparando a tagliare gli spread dei mutui a partire da ottobre.

I mutui sono effettivamente in crescita, o meglio le richieste negli ultimi mesi sono aumentate e per questa ragione il taglio dello spread dovrebbe garantire un balzo delle erogazioni a partire dal 2014. Si spera che tutte le banche taglino le commissioni fisse sui mutui al fine di consentire un più facile acceso al credito.

Quel che è certo è che si iniziano ad intravedere i primi segnali di ripresa del mercato immobiliare, come dimostrato anche dall'abbassamento della quotazione degli immobili che potrebbe consentire a molte famiglie di avvicinarsi al sogno di una vita: comprare casa a prezzi inferiori, riuscendo finalmente a stipulare un mutuo conveniente con l'istituto di credito prescelto.

Vi sono ancora però tre potenziali avvenimenti che potrebbero ostacolare il taglio degli spread: la tenuta dello "scricchiolante" governo del Premier Enrico Letta, l'approvazione della legge di stabilità e l'acquisto dellaCassa Depositi e Prestiti di mutui cartolarizzati per un valore pari a 3 miliardi di euro.

Confidiamo comunque che effettivamente le banche confermino la riduzione degli spread affinché molte famiglie italiane possano accedere al mutuo, magari già dal prossimo mese, con più semplicità e ad un tasso finito più basso rispetto ai livelli attuali.