Da circa 90 giorni è di nuovo attivo il Fondo di solidarietà statale che permette, per chi è in particolari condizioni disagiate, la sospensione del pagamento delle rate di mutuo per un periodo di 18 mesi. Vediamo quali sono i requisiti fondamentali per poter accedere a questa importante misura di sostegno sociale.

I requisiti per la presentazione della domanda

  • Occorre aver stipulato un mutuo da almeno un anno (non importa il tipo di tasso scelto con l'istituto bancario) di un importo non superiore a 250.000 euro.
  • Il mutuo deve essere stato stipulato per l'acquisto dell'abitazione principale ed il reddito familiare (il cd. Isee) non deve essere superiore a 30.000 euro complessivi.
  • E' necessario, nei tre anni che precedono la richiesta, dimostrare di aver perso il proprio posto di lavoro (non dimissioni o licenziamento per giusta causa), oppure la perdita di autosufficienza od invalidità per una percentuale superiore all'80% o, per ultimo, il decesso dell'intestatario del mutuo o di uno dei cointestatari.

Il modello per la richiesta può essere scaricato sul sito del Ministero del Tesoro oppure sul sito della Consap che gestisce il Fondo e, dopo aver compilato la domanda, il richiedente dovrà presentare la propria richiesta alla banca allegando l'Isee da richiedere presso un qualunque Caf e tutta la documentazione probante la perdita del posto di lavoro o delle condizioni sopra riportate.

La Banca, entro 10 giorni, inoltrerà telematicamente la richiesta alla Consap la quale dovrà dare risposta entro 15 giorni. La Banca, a questo punto, dovrà solo comunicare tempestivamente al richiedente il responso della Consap.

I fondi disponibili sono di circa 20 milioni di euro, ma pare che già sia previsto un rifinanziamento. Infatti già oltre 2.200 mutui sono stati sospesi per altrettante famiglie e entro la fine dell'anno il Fondo di solidarietà potrebbe essere finito.