In tempi di crisi risparmiare è una necessità, e una delle spese più ingenti per gli italiani è rappresentata dal mutuo. Ed ecco che quindi sempre più persone decidono di dividere i costi relative alla casa condividendo la propria abitazione con altri: si creano così nuovi nuclei, nuovi stili di vita, nuovi rapporti.

Ad analizzare il fenomeno è un recente sondaggio di Easystanza, sito nato appunto per proporre annunci di appartamenti in condivisione in Italia. All'interno del campione analizzato, ben il 32,8% dichiara di essere una coppia che condivide l'appartamento dove vive con altre persone, di cui la maggioranza è costituita da lavoratori (54,6%), mentre il 25,7% è rappresentato da studenti, il 13,1% da disoccupati e il 4,9% da pensionati.

Il risparmio è la motivazione principale di questa scelta: il 49,2% delle coppie intervistate affitta per questo una parte della propria casa, mentre nel 32,2% dei casi la decisione è stata presa per avere un aiuto nel fronteggiare la crisi economica. Il 13,7% del campione, invece, si dice spinto dal desiderio di fare nuove esperienze.

Il 17,5% delle coppie dichiara poi che nell'appartamento sono presenti anche i figli, come nel caso di Katia, che ha una casa grande e per avere un'entrata economica in più lo scorso anno ha pensato di affittare, tramite Easystanza, quella che una volta era la stanza degli ospiti. "Sono molto soddisfatta di questa decisione - dice Katia - preferiscocondividere la casa con studenti che frequentano l'Università e vengono magari dall'estero, così che i miei figli, non potendo viaggiare, possano conoscere giovani di altri paesi e praticare l'inglese pur stando a casa".

Tra gli intervistati, il 77% preferisce affittare la stanza a una o più persone singole. La scelta di vivere insieme a un'altra coppia è, invece, quella preferita nel 10,4% dei casi, mentre il 9,3% dichiara di dividere la casa con una famiglia con figli, con cui darsi magari anche una mano nella gestione dei bambini.

"Come mostra il nostro sondaggio, la crisi economica sta senza dubbio contribuendo ad affermare nuovi stili di vita - commenta Massimiliano Ciliberto, Business Development Manager di Easystanza - e a creare nuclei di persone che vivono sotto uno stesso tetto, ricordando situazioni che in Italia si sono viste, anche se con uno spirito differente, negli anni '70".