Dai dati rielaborati da Adusbef e Federconsmatori a partire da quelli diffusi dalla Banca Centrale Europea e da Bankitalia, aggiornati a dicembre 2012, emerge una situazione molto sfavorevole per i cittadini italiani interessati a prestiti o a stipulare mutui per l'acquisto di un'abitazione.

L'Italia detiene il record negativo sull'ammontare dei tassi di interesse applicata ai finanziamenti, le banche applicano infatti uno Spread nettamente superiore rispetto a quello applicato nel resto della zona Euro.

Per esemplificare la differenza monetaria che si trova a dovere pagare un cittadino del Bel Paese rispetto ad uno dell'Unione Europea pensiamo a chi, già fortunato vista la stretta creditizia delle banche, riesce ad ottenere un mutuo di importo pari a 100 mila euro da restituire in 30 anni. Il cittadino in questione dovrà rendere mensilmente 515 euro dovendo pagare un tasso alla banca pari a 4.64%, rispetto ai 446 euro, tasso pari a 3,45%, che dovrebbe pagare un tedesco, un francese o un qualsiasi altro abitate dell'Eurozona per restituire lo stesso mutuo.

Facendo qualche semplice calcolo è facile comprendere lo svantaggio di un cittadino italico rispetto agli altri: si tratterebbe di "sborsare" in più 69 euro al mese, quindi, proseguendo nei calcoli, 828 euro in un anno e ben 24840 euro in più alla fine del finanziamento, passati quindi 30 anni. Praticamente si renderebbe di interessi ¼ della cifra totale richiesta.

Una differenza enorme che è difficile da comprendere e soprattutto da "digerire" visto che i tassi al momento sono ai minimi storici, e derivano per tutte le banche da Euribor, per i tassi variabili (0.22 % a tre mesi), e Eurirs, per il tasso fisso (a trent'anni pari al 2.5%). Purtroppo alle percentuali molto invitanti, per chi dovesse stipulare un mutuo, subentra lo Spread, deciso dalle Banche, che vanifica ogni possibilità di risparmio per un mutuatario italiano.

Poiché specie nell'ultimo anno lo Spread applicato dalle banche è divenuto altissimo complessivamente chi stipulerà un mutuo a tasso variabile dovrà pagare dal 3% al 4,5% , chi invece preferirà la "sicurezza" del tasso fisso dovrà corrispondere dal 5,2% al 6,8%.

Non va meglio a chi richiede un prestito, su una cifra pari a 30 mila euro da rimborsare in 10 anni, un italiano si troverà a dover pagare 2760 euro in più, al termine del finanziamento, rispetto a un cittadino dell'eurozona. Quasi il 10% della cifra erogata. Infatti i tassi di interesse anche qui sono ben diversi e penalizzanti per un connazionale 7.56%, rispetto ad un tasso del 6.04%.

Le Associazioni dei consumatori denunciano lo strapotere delle Banche, che sono ree di applicare dei tassi troppo elevati rispetto all'effettiva situazione dei tassi di interesse nel resto d' Europa.