Da uno studio effettuato da Scenari Immobiliari emerge come gli stranieri investano volentieri nel mattone italiano, sono infatti 4600 le famiglie che nel 2012 hanno comprato una casa in Italia, un aumento considerevole rispetto alle 3000 unità acquistate nel 2005. Un incremento che si attesta intorno al 53%, aumenta altresì l'importo dell'investimento che sale dai 245 mila euro del 2005 ai 455 del 2012.

Chi acquista di più e dove? Ad investire maggiormente nel mercato immobiliare italiano sono i tedeschi, 36% e gli inglesi, 18%. Dallo studio emerge che le regioni preferite sono la Puglia, che raccoglie il 22% degli acquirenti esteri, il Lazio con il 21%, la Toscana e le Marche con rispettivamente il 16% e il 15%.

In aumento anche gli acquisti da parte delle famiglie russe che passano dal 2% del 2005 al 13% del 2012. I russi sono infatti generalmente dotati di elevate risorse economiche e mentre in passato orientavano i propri investimenti verso case di lusso in Sardegna, ultimamente hanno spostato la loro attenzione verso le località turistiche più rinomate di Liguria e Versilia.

L'identikit dei compratori? Generalmente ricchi imprenditori e manager, che hanno la tendenza ad acquistare case di alto livello in Toscana o ai Laghi. Professionisti, piccoli imprenditori e impiegati che comprano laddove i prezzi sono più bassi, si può acquistare una seconda casa sulla riviera adriatica, in Romagna e nelle Marche, investendo un importo di circa 150 mila euro, e preferiscono acquistare laddove vi sono buoni collegamenti con il Paese di origine con voli lowcost .