Se non si riescono a pagare le rate del mutuo per la casa le famiglie hanno bisogno di trovare una soluzione per scongiurare la morosità prima e l'insolvenza poi. Una possibile strada è quella di accedere alla moratoria ABI-Consumatori che però è agli sgoccioli visto che la quinta ed ultima proroga scade il 31 marzo del 2013.

Ci sarebbe anche il Fondo statale di solidarietà, a favore delle famiglie in difficoltà con il pagamento del mutuo per la prima casa, ma questo al momento è ai box dal punto di vista operativo in quanto manca il Decreto attuativo. Un'altra strada praticabile è quella di chiedere la rinegoziazione del mutuo alla banca, ma non sempre l'Istituto di credito è ben disposto a rivedere le condizioni contrattuali rendendole più favorevoli per il cliente. Ma c'è anche la possibilità di perdere la proprietà della casa, temporaneamente, senza cadere nell'insolvenza.

Trattasi della cosiddetta formula dell'affitto con riscatto, proposta dalle banche, che però non è conveniente in quanto rispetto al mutuo originario si vanno a sborsare nel tempo più soldi. E' questa la conclusione cui è giunta l'Associazione Altroconsumo nel sottolineare come l'affitto con riscatto sia una manna per la banca che diventa proprietaria della casa senza aspettare le lungaggini delle procedure esecutive in caso di insolvenza da parte del cliente.