Il mercato immobiliare in Italia vive una situazione complicata. La crisi si fa sentire, le famiglie sono sempre meno propense all'acquisto di beni immobili, l'accesso al credito è sempre più difficile e le banche difficilmente concedono mutui; tutto questo fa si che gli immobili rimangano spesso invenduti o che vengano svenduti dai proprietari che pur di disfarsene diminuiscono notevolmente le proprie pretese, svalutando l'immobile.

Questa situazione sta attirando numerosi investitori stranieri che, conquistati dalle bellezze del nostro paese, possono fare affari d'oro, sfruttando il momento particolarmente favorevole. Negli ultimi anni gli acquisti di case italiane da parte di stranieri sono cresciuti del 53% e la percentuale si è ulteriormente alzata da quando è scoppiata la "crisi". Sono sopratutto i tedeschi a comprare case in Italia, ma anche russi, inglesi e francesi non disdegnano i nostri paesaggi.

Una statistica, condotta da "Scenari immobiliari" ha rivelato come, soltanto nel 2012, siano 4600 le famiglie straniere che hanno acquistato un immobile nel nostro paese con un importo medio investito che è passato da 245mila Euro a 455mila Euro. Le regioni preferite dagli stranieri sono la Puglia, il Lazio, la Toscana e l'Umbria, ma anche le zone dei laghi lombardi e delle Dolomiti anche se negli ultimi due casi si tratta soprattutto di ville.