Ormai ottenere un mutuo è diventato sempre più difficile e anche se i dati indicano che coloro che comprano casa sono sempre meno. C'è però da segnalare un nuovo modo per poter comprare si chiama rent to buy, un modello che arriva dagli Usa e sta iniziando a prendere piede nel nostro paese soprattutto al Nord.

In pratica si tratta di un percorso preparatorio (percorso che però a volte può risultare rischioso ) all'acquisto che tende facilitare l'ottenimento di un mututo l'ideale per coloro che sono costretti a dover chiedere alla banca un mutuo per un valore superiore all'80% dell'immobile. Percorso che però non risulta totalmente privo di rischi.

Il vantaggio che offre il rent to buy è quello di aiutare a creare uno storico creditizio che sarà utile al potenziale acquirente quando dovrà chiedere il finanziamento contribuendo all'assegnazione di un rating positivo nei sui confronti.

Chi volesse optare per questa soluzione è obbligato a versare un acconto compreso tra il 5% e il 10% del valore dell'immobile, a questo dovrà essere sommata una percentuale solitamente pari al 50% della somma versata mensilmente per l'affitto dell'immobile che si intende acquistare.
Cosi facendo al momento di richiedere il finanziamento si avrà un doppio vantaggio in primo luogo si sarà accantonato una caparra sufficiente a richiedere un mutuo corrispondente al 70-80% del costo originariamente pattuito per il bene, ma si avranno anche le condizioni necessarie a dimostrare alla banca la propria affidabilità.

In Italia il rent to buy può essere utile soprattutto alle imprese costruttrici infatti potrebbe diventare un valido strumento valido per far si che il mercato immobiliare torni ad essere più florido. La cosa migliore da fare qualora si decidesse di puntare sul rent to buy è sicuramente quella di farsi aiutare dalla consulenza di un esperto che possa seguire la pratica passo dopo passo in modo da a pendere una serie di cautele affinchè il contratto non si riveli brutte sorprese!