Per gli italiani il mutuo casa è troppo oneroso, in tempi di crisi è meglio restare in affitto. Gli ultimi dati Istat relativi al primo trimestre 2012 fotografano la grave crisi del mercato immobiliare: le compravendite sono scese del 16,9% rispetto al 2011.

Calano sia le vendite per usi residenziali (-17,2%) che quelle per usi commerciali (-11,8%), con riduzioni più significative al Centro (entrambi i casi registrano decrementi oltre il 20%). Nelle grandi città il mercato è paralizzato dal crollo verticale dei mutui: -67%.

In parallelo, crescono invece la domanda e l'offerta per le locazioni. Gli inquilini, nonostante i prezzi delle case siano più bassi, sono "costretti" a restare in affitto perché non possono affrontare l'impegno di un mutuo (ammesso che venga concesso), i proprietari invece cercano di risparmiare sull'Imu, più onerosa per le case sfitte.