Nonostante nell'ultimo anno il numero di mutui per surroga sia notevolmente diminuito, ci sono moltissimi risparmiatori che, trovandosi in difficoltà con la restituzione delle rate a causa della crisi economica in corso, potrebbero trarre giovamento dalla portabilità dell'ipoteca.

A differenza della sostituzione che permette al mutuatario di accedere a un nuovo debito, si spera ovviamente a condizioni migliori, la surroga non prevede l'iscrizione di una nuova ipoteca. L'operazione, consiste, infatti, nel trasferimento, di norma a costo zero, dell'ipoteca già iscritta sull'immobile acquistato con il vecchio mutuo. Resta, però, analogo il fine dell'operazione, quello cioè di ottenere condizioni economiche più favorevoli.

A tale proposito consideriamo il mutuo per surroga proposto da BNL Paribas. Ipotizzando, ad esempio, di dover surrogare un mutuo residuo di 140 mila euro e di volerlo restituire nell'arco di 20 anni, la rata al tasso fisso sarebbe di 1019 euro circa, con tasso finito del 6,20% e Taeg del 6,41%.

Non sono previsti costi aggiuntivi tranne quello obbligatorio per l'assicurazione incendio e scoppio che sarà pari allo 0,0019% del capitale erogato (fino al 75% del valore dell'immobile) e verrà addebitato direttamente sulla rata mensile. A discrezione del cliente è possibile ovviamente sottoscrivere altre polizze a tutela del mutuo sottoscritto. Per avviare la procedura è richiesta l'apertura del conto corrente presso una filiale BNL che si farà carico di tutte le spese notarili previste dall'operazione di surroga.