Tagliare i costi in tempo di crisi è possibile. Basta riscoprire vecchie abitudini e imparare a valorizzare i propri beni prima di acquistarne di nuovi. Non a caso sono sempre più numerosi gli italiani che non potendo permettersi una nuova abitazione, decidono di ristrutturare la vecchia. Anche questa soluzione può comportare, però, costi elevati e spingere i risparmiatori a chiedere un mutuo. Sempre più banche si stanno adeguando alle esigenze dei propri clienti, mettendo a loro disposizione finanziamenti specifici per ristrutturare sia gli interni che gli esterni della propria abitazione. Tra questi presentiamo oggi il mutuo "ristrutturazione" di Unicredit banca, ideale per ristrutturare anche in maniera completa la propria casa.

Il mutuo offerto da Unicredit finanzia, infatti, fino all'80% circa del valore dell'immobile, permettendo ai mutuatari di accedere ad un debito con tasso misto per una durata massima di 25 anni. Tuttavia in caso di necessità è possibile prolungare di altri 5 anni il finanziamento, con il requisito di nessuna insolvenza nelle rate e con la possibilità di scegliere il tasso fisso o variabile e modificarlo nel corso del debito, in base alle proprie esigenze e alla situazione finanziaria più conveniente.

In alternativa è possibile adottare o solo la formula a tasso fisso o solo quella a tasso variabile, con un importo minimo di 50 mila euro, rimborsabili da un minimo di 5 fino a un massimo di 25 anni. Il tasso fisso fa riferimento all'indice Eurirs in base ovviamente alla durata scelta al momento della stipula del contratto, mentre quello variabile è calcolato sulla base dell'indice Euribor a tre mesi o tasso BCE, a seconda della scelta del cliente.