L'allarme sullo stato delle famiglie italiane arriva direttamente dall'Unione europea. Secondo lo studio trimestrale della Commissione, nei primi 3 mesi del 2011, una famiglia su quattro non era in grado di pagare le rate del mutuo, dato già di per sé "allarmante" e confermato anche dall'aumento del numero degli sfratti. Il rapporto europeo mette in luce anche che non si tratta solamente di un problema italiano, ma che riguarda tutta Europa. Nel rapporto, infatti, si legge "un numero crescente di persone che ha perso il lavoro a causa della crisi è in difficoltà con il pagamento dell'affitto o delle rate del mutuo".

Ciò che preoccupa in particolar modo la Commissione è che non si prevedono dei miglioramenti per i prossimi anni. Attualmente "l'evidenza dimostra che gli stranieri ed i giovani sono stati colpiti in modo sproporzionato", per cui si pensa che il problema dei senzatetto costituirà "un'importante questione sociale nei prossimi anni". A rendere ancora più difficile la situazione, inoltre, c'è anche la consapevolezza che le politiche di austerità intraprese da molti Paesi renderanno difficile una risposta concreta al problema dei senzatetto.

Lo studio mette in evidenza che il 75% della popolazione Ue ritiene che il problema dei senzatetto sia aumentato nel proprio Paese di appartenenza negli ultimi anni e in Italia pare che a incrementare il problema siano sopratutto gli immigrati, destinati ormai ad accrescere "la quota dei senzatetto"