Il mercato immobiliare è stagnante e fatica a riprendere, così le famiglie costrette a richiedere un mutuo per l'acquisto di un'abitazione sono in netta crescita . Nel primo semestre 2011 il mattone ha registrato una curva negativa causata da un eccesso di domanda a fronte di scarsa liquidità. Tra gennaio e marzo, i dati Nomisma hanno registrato un calo delle compravendite che ha toccato il 3,7% rispetto allo stesso periodo del 2010.

Gli scambi sono stati complessivamente 300 mila e le previsioni parlano di 590.600 unità vendute e acquistate entro la fine del 2011. L'immobilismo del mercato non fa da propulsore per una ripresa, ipotizzata per il 2013, e i prezzi degli immobili hanno subito solo un fievole calo: nei primi sei mesi 2011 si è registrato un - 0,7% per le abitazioni, - 0,9% per gli uffici e - 0,7% per i negozi. Dall'inizio della crisi, nel 2008, la frenata dei prezzi è stata tra il 5% e il 10%, ben lontana da quel 25%-30% stimato dal Fondo Monetario Internazionale per rilanciare il comparto. "Il ciclo economico è fragile - ha dichiarato Pietro Modiano, presidente di Nomisma -: c'è una maggiore propensione al mutuo da parte delle famiglie, si è passati dal 50% del 2010 al 75% di oggi, ma solo per una riduzione della capacità di spesa.

Proprio per questi fattori, chi intende comprare casa, deve valutare con oculatezza il mutuo più vantaggioso per finanziare l'acquisto. Utilizzando il servizio offerto da SuperMoney per il confronto mutui on line, è possibile avere una panoramica dei mutui migliori (mutuo a tasso fisso, mutuo a tasso variabile, mutuo a tasso misto) proposti da 40 banche e scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze. Se, ad esempio, una coppia under 30, con reddito complessivo netto di 3 mila euro e contratto a tempo indeterminato, decidesse di richiedere un mutuo prima casa ventennale (valore totale dell'immobile 200 mila euro), finanziando 130 mila euro, la soluzione a tasso variabile più conveniente sarebbe mutuo arancio di ING Direct, con rata da 697 euro al mese (taeg 2,69%).

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.