Gli taliani, popolo di sognatori. Alla fine, però, l'80% della popolazione guarda al concreto, è affezionata al caro, vecchio "mattone" e possiede una casa di proprietà , svincolata, quindi, da mutuo. I dati emergono da un report realizzato dall'Agenzia del Territorio e dal Dipartimento delle Finanze: gli abitanti del Belpaese amano stare comodi; l'abitazione "tipo" misura 115 metri quadri e ad ogni inquilino ne spettano circa 60.

A confermare questa "mappa abitativa" si aggiungono anche i dati relativi alle ultime dichiarazioni dei redditi e le disposizioni del catasto. Ma chi sono i fortunati proprietari di queste dimore esenti dai mutui ? Gli under 30, come da copione, sono solo il 4%, segno che per i giovani l'acquisto di un'abitazione rappresenta ancora un sogno che accarezzano da lontano. Purtroppo la crisi economica che ha colpito lo Stivale nel 2009 ha inasprito il mercato del lavoro, e le ripercussioni negative - precariato e redditi bassi - hanno colpito le fasce giovani, che non dispongono di mezzi economici sufficienti per accendere un mutuo. In accordo con lo studio, al Sud l'85% ha un immobile di proprietà, mentre la percentuale si abbassa nel Nord Italia (75,5%).

L'Istat ha registrato che le famiglie alle prese con il mutuo per acquistare una casa di proprietà sono il 16%, e due milioni 947 mila famiglie, mensilmente, pagano in media 494 euro per la propria abitazione. È possibile avere una panoramica sui mutui più convenienti del mercato - mutui a tasso fisso, mutui a tasso variabile e mutui a tasso misto - per l'acquisto di una dimora grazie al servizio offerto da SuperMoney per il confronto mutui on line. Se, ad esempio, una coppia under 30, con reddito complessivo netto di 3 mila euro e contratto a tempo indeterminato, decidesse di richiedere un mutuo prima casa ventennale (valore totale dell'immobile 200 mila euro), finanziando 130 mila euro, la soluzione a tasso variabile più conveniente sarebbe mutuo arancio di ING Direct, con rata da 697 euro al mese (taeg 2,69%).