Il prezzo degli affitti è lievitato negli ultimi 12 mesi, registrando un +1,5% medio: lo rileva uno studio del portale Immobiliare.it, che indaga su come cambia il settore degli affitti di fronte al persistere della crisi economica.

Gli aumenti hanno coinvolto tutto il territorio nazionale, ma i picchi sono stati raggiunti a Roma (+8,6%), Firenze e Milano (per entrambe +6,4%) e Vicenza (+6,2%). I rincari minori si sono registrati a Viterbo (+0,4%), Napoli (+0,2%), e Reggio Emilia (+0,2%). Poche le eccezioni e tutte nel sud Italia: a Bari e Caserta i prezzi sono calati dell'8%, mentre a Palermo si registra il 5% in meno rispetto al 2010.

Le città con gli affitti più salati sono, senza sorprese, Roma, Milano, Firenze, Napoli e Venezia. Affittare un trilocale a Roma costa, in media, più di 1300 euro, poco meno a Milano (quasi 1200); i bilocali costano più di 900 euro a Roma e circa 800 € a Milano.

A sostenere il peso di questi rincari sono soprattutto le famiglie senza figli e i single, le categorie che con più frequenza vivono in affitto: i dati di Immobiliare.it rivelano che il 25% del campione èrappresentato da nuclei famigliari senza figli, mentre a Milano, ad esempio, le donne single raggiungono il 22% del totale. Gli uomini single napoletani, invece, arrivano fino al 25%. I dati prendono in considerazione anche i cosiddetti "single di ritorno", ovvero le persone separate che tornano a vivere da sole. Anche i giovani sono molto numerosi: secondo i dati di Immobiliare.it la maggior parte di chi vive in affitto ha meno di 34 anni.

Questa situazione, difficile per chi vive in affitto, può rappresentare una buona occasione per chi voglia investire nell'immobiliare e ottenere una rendita dando la casa acquistata in affitto. Chi valuta questo tipo di investimento può verificare attraverso Supermoney, il portale per il confronto mutui, quali siano i finanziamenti migliori per l'acquisto di una seconda casa, ottenendo un risparmio notevole sulla rata.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.