Se ne è tanto parlato: da oggi entra in vigore il regolamento per l'accesso al fondo mutui per acqusitare la prima casa da parte di giovani coppie e nuclei familiari monogenitoriali. I mutui casa tollerati sono quelli fino ad un massimo di 200mila euro. Per accedere al fondo sono indispensabili una serie di requisiti.
Chi intende presentare domanda (coppie o famiglie monogenitoriali) non deve aver superato i 35 anni di età, il reddito Isee non deve essere superiore a 35.000 euro, nel caso di assunzione a tempo indeterminato non bisogna percepire dal contratto di lavoro più della metà del reddito imponibile irpef (l'assenza di un contratto a tempo indeterminato rappresenta una priorità per l'accesso) e non si può essere proprietari di altri immobili ad uso abitativo, eccetto quelli avuti in eredità.
L'immobile da acquistare non deve avere una superficie superiore a 90 metri quadrati, deve essere adibito ad abitazione principale e non può appartenere a categorie catastali definite come signorili, di pregio e/o di lusso.
Ma come funziona la garanzia del fondo?
Le giovani coppie o i singoli che avranno accesso al fondo in caso di insolvenza beneficiano di una garanzia del 50% della quota capitale del mutuo da parte del Governo. L'ammontare massimo che viene garantito è di 75mila euro.
Secondo le stime saranno 10mila giovani coppie quelle che potranno usufruire dell'accesso al Fondo di Garanzia e avranno quindi una facilitazione nell'acquisto della casa.
Per approfondimenti si può leggere il regolamento al link a seguire:
http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/regolamento_mutui_primacasa/decreto_acquisto_primacasa.pdf

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento.'