Secondo i dati riportati dal Gruppo Tecnocasa si stima che le famiglie italiane 2011 ricorreranno maggiormente ai finanziamenti, anche se si manteranno prudenti riguardo l'indebitamento.
Una crescita, certo, ma inferiore però alla media europea, e nel quale il mercato del credito alle famiglie sarà influenzato nei due anni a venire dal contesto macroeconomico nazionale e internazionale.

I mutui ipotecari delle famiglie raggiungeranno secondo le stime i 60 miliardi di euro, complici un rialzo dell'importo medio richiesto per i finanziamenti e i tassi d'interesse favorevoli che manterranno un andamento di lenta crescita.

Il credito a consumo secondo Tecnocasa sarà invece stabile sui livelli del 2010, anche grazie agli incentivi previsti dal governo. Per l'acquisto di auto nuove ad esempio i prestiti finalizzati consolideranno una spesa del 20% rispetto al totale del credito al consumo.

Per i prestiti e mutui è sempre bene valutare le condizioni e i servizi offerti dagli istituiti di credito, ed un aiuto proviene da Supermoney, che confronta le migliori tariffe attualmente proposte sul mercato.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento.'