É stato cancellato quanto fatto dal decreto Bersani in merito alla liberalizzazione sul fronte delle ipoteche immobiliari.
É quanto denuncia il Centro Tutela Consumatori e Utenti di Bolzano, dopo che in maniera definitiva i decreti legislativi n. 141/2010 sul credito al consumo e il n. 218/2010 hanno reintrodotto la figura del notaio per poter effettuare la cancellazione delle ipoteche.

Dal 2 gennaio 2011 infatti le ipoteche a garanzia di qualsiasi contratto di mutuo non si estingueranno più automaticamente con l'esaurirsi dell'obbligazione garantita, ma bisognerà rivolgersi ad un notaio, con una spesa da parte del richiedente di 700-800 euro.

Da un sistema semplice e soprattutto gratuito, sottolinea il CTCU, si è quindi ritornati ad una pratica che obbligherà il consumatore a metter mano al portafoglio e che allungherà i tempi burocratici dell'operazione.

Per risparmiare sul proprio mutuo sarebbe bene informarsi sui prodotti finanziari attualmente proposti dalle banche, magari affidandosi a una comparazione dei prezzi su Supermoney, che con il suo sistema di confronto mutui consente di effettuare una valutazione personalizzata in base alle proprie esigenze.


'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento.'