Quando si vuole accendere un mutuo casa scegliere tra tasso fisso e tasso variabile è sempre il primo dubbio che viene al consumatore. Non esiste infatti un tasso più conveniente rispetto all'altro e molto dipende dalla situazione di chi si appresta a sottoscriverne uno.

In questo momento, per esempio, la differenza tra i due tassi è pari al 2,3% mentre all'inizio dell'anno arrivava a sfiorare il 3,5%, per questo motivo la maggior parte delle persone nell'ultimo periodo ha scelto di optare per il tasso fisso, cifra che a inizio anno non superava il 20%.
Infatti quando il tasso fisso si attesta intorno al 5% (ora è addirittura sotto) è preferibile scegliere questo tipo di soluzione anziché orientarsi verso un tasso variabile, generalmente meno costoso ma che subisce le oscillazioni del mercato finanziario.

Compiendo una veloce ricerca col comparatore dei prezzi di Supermoney e ipotizzando che un utente voglia sottoscrivere un mutuo ventennale per l'acquisto della prima casa (il valore dell'immobile potrebbe essere di 300.000 euro) ecco quali sono i risultati se il richiedente trentacinquenne ha un contratto a tempo indeterminato da 1.400 euro al mese.
Dalle proposte più convenienti emerge che un mutuo a tasso variabile per 100.000 euro ha una rata mensile che si aggira in questo momento sui 503 euro, mentre per il tasso fisso sale a 557 euro mensili. Per lo stesso mutuo a trent'anni, invece, si passa a 370 euro mensili circa al mese per il variabile e a 424 euro per il fisso.

Varia di poco il mutuo a tasso variabile senza Cap rispetto a uno con Cap (il tetto massimo oltre il quale il tasso non potrà andare) perciò la seconda soluzione resta tuttora la protagonista del mercato. Tuttavia gli esperti raccomandano di valutare bene la situazione, sottolineando come l'attuale livello del tasso fisso è da preferire al tasso variabile, soprattutto per chi non dispone di un reddito tale da poter sostenere un possibile incremento del variabile.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento.