Parte domani il nuovo fondo di solidarietà per le famiglie che hanno acceso un mutuo per la prima casa e si trovano in difficoltà economiche. Il provvedimento dovrebbe dare un po' di respiro a circa 5 mila famiglie impossibilitate a pagare la rata per motivi gravi. Il fondo di solidarietà è stato previsto dalla finanziaria del 2008 ma diventa operativo soltanto domani a distanza di 32 mesi dall'approvazione.

Ogni famiglia richiedente otterrà circa 4 mila euro. Il Ministero dell'Economia utilizzerà il fondo per pagare per 18 mesi le rate dei mutui alle banche. Possono fare domanda di sospensione, coloro i quali abbiano in corso un mutuo per l'acquisto dell'abitazione principale per un massimo di 250 mila euro stipulato da almeno un anno e con un Isee che non superi i 30 mila euro.

Hanno diritto i contraenti di mutuo: che abbiano perso il posto di lavoro e siano rimasti disoccupati per almeno tre mesi (sono quindi esclusi i cassintegrati); che abbiano subito in famiglia il decesso o l'invalidità permanente di uno dei componenti, purché questi apportasse almeno il 30% delle entrate familiari; che possono documentare spese di ristrutturazione dell'immobile o di assistenza medica o infermieristica per almeno 5 mila euro all'anno; inoltre possono fare richiesta i debitori a tasso variabile che hanno registrato nel tempo un aumento del 20% della rata mensile rispetto a quella precedente; la quota sale al 25% se riferita alle rate semestrali.

Le famiglie che potranno usufruire del fondo di solidarietà sono davvero poche ( circa 5 mila) considerando l'alto numero di persone che ne avrebbero bisogno. Per questo è bene tenere monitorato il sito del Ministero, presentando la domanda per la sospensione del mutuo il prima possibile.