La crisi economica incide sempre di più sui mutui, almeno in Italia: i primi sei mesi del 2010 hanno infatti registrato un calo del 2% rispetto allo stesso periodo del 2009, sul volume complessivo della domanda di mutui da parte delle famiglie italiane.

È quanto emerge dai dati Crif, società leader a livello europeo nello sviluppo e nella gestione di sistemi di informazioni creditizie, che hanno evidenziato come le richieste dei mutui relative al primo semestre 2010 sono tornate agli stessi livelli avuti nel primo semestre del 2007, calo decisamente netto se si considera la ripresa del 4% segnata nel primo semestre del 2009 rispetto al precedente semestre del 2008. Il barometro dei mutui rilevato dal Crif si è basato su tutte le richieste di prestiti fatte registrare nel mercato creditizio.
Entrando nei dettagli, proprio nel mese di giugno appena concluso, la domanda dei mutui casa in Italia è diminuita del 4% rispetto allo stesso mese del 2009 (dato ponderato sui giorni lavorativi), confermando la contrazione ormai in atto da diversi mesi.
I dati Crif fanno inoltre notare che la domanda mutui è ancora sostenuta da surroghe e rinegoziazioni, un fenomeno ormai consolidato in questo periodo di crisi, nonostante l'incidenza sia stata inferiore rispetto allo stesso periodo del 2009. Nella prima metà del 2010 infatti l'incidenza delle sostituzioni è stata del 13,8% del totale contro una media del 24% per tutti i mesi del 2009.

Considerando tutto questo, è necessario che la scelta di un mutuo sia ponderata al meglio valutando tutti gli aspetti, affidandosi a un sistema completo di confronto mutui, prima di decidere di stipularne uno.Il confronto infatti aiuta i consumatori a trovare l'offerta migliore disponibile sul mercato e la più adatta alle esigenze di ognuno. Nella ricerca ci si può affidare al servizio offerto dal sito Supermoney, che permette gratuitamente di effettuare una comparazione personalizzata tra le proposte di 40 diversi istituti di credito.

Leggi l'articolo anche su Chiarezza, l'osservatorio del risparmio di Supermoney


La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento.