Il sogno di acquistare una casa è sempre più lontano per le famiglie italiane. L'allarme lo lancia il Centro Studi e Ricerche dell'ABI che ha messo a punto un nuovo strumento per stabilire quanto sia accessibile il mercato immobiliare per i nuclei familiari del Paese, l'Housing Affordability Index.

Dai dati Abi emerge che nel 2005 l'acquisto di un'abitazione richiedeva la spesa di due anni e nove mesi dell'intero reddito di una famiglia, mentre oggi questo lasso di tempo si è allungato di otto mesi, arrivando a tre anni e cinque mesi complessivi. Mentre la flessione dei prezzi degli immobili nell'ultimo anno ha subito un calo piuttosto limitato, fermandosi a un meno 0,7%, il reddito a disposizione delle famiglie è invece sceso in media del 4,2%.

L'accessibilità al mercato immobiliare, che ha toccato il suo minimo a metà del 2008, è però adesso in risalita grazie al calo del tasso dei mutui - spiega Bruno Iambrenghi Business Development Manager di Supermoney - e non è un caso che i mutui a Marzo abbiano registrato un aumento dell'8,2 %".7

Vista la situazione tanto critica per l'accesso al mercato immobiliare, diventa ancor più indispensabile per il consumatore uno strumento come il sistema di confronto dei mutui. Attraverso questo servizi,o offerto gratuitamente da Supermoney, è possibile trovare l'offerta più adatta alle proprie esigenze tra quelle proposte dai migliori istituti finanziari.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento