Il rapporto mensile dell'Abi ( Associazione Bancaria italiana) mostra che in media i tassi d'interesse sui mutui per l'acquisto della casa, sono stati ritoccati verso il basso arrivando al 2,68% rispetto al 2,75% del mese precedente; meno 7 punti base in meno rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

La crisi continua a farsi sentire anche nel settore bancario, conseguenza della prudenza degli italiani in relazione agli investimenti. Gli unici segnali positivi vengono dalla crescita in accellerazione dei mutui casa, l'unico investimento che nel nostro Paese, dà sicurezza.

La crescita è data proprio dal crollo dei tassi d' interesse BCE applicati. Infatti si registra un'aumento dell'accensione di mutui a tasso variabile, questo perché il tasso BCE risulta davvero favorevole. In un momento in cui gli italiani stanno sulla difensiva, i mutui a tasso variabile sono l'unica via d'uscita per recuperare liquidi da parte delle banche.

Naturalmente prima di accendere un nuovo mutuo è bene conoscere tutte le possibilità offerte dal mercato bancario tradizionale e non tradizionale.